Il ‘vino cotto’ abruzzese: gradimento sensoriale