Sulla connessione tra reati militari e reati comuni formalmente concorrenti