La Corte, le Regioni e il «Codice delle comunicazioni elettroniche»