Il vento dei “nuovi diritti” nel Grundgesetz tedesco ora soffia anche sugli animali?