Industria creativa: brevetti geniali e pessimi surrogati