Localismo e nuovi orizzonti dell’industrializzazione diffusa. Il caso abruzzese