Osservazioni sul "patientiam praestare" in Labeone