Regole elettorali e principio di uguaglianza: il caso della rosa nel pugno