Relativa soddisfazione e nuove disuguaglianze. Il caso abruzzese