Culture del lavoro. La "classe" e la soggettività