Prigionia epistemologica e senilizzazione: tra confusione mentale e creatività