La “laicità” dello Stato tra neutralizzazione del fattore religioso e “pluralismo confessionale e culturale” (a proposito della sentenza che segna la fine del giuramento del teste nel processo civile)