Modus servitutis e tipicità convenzionale tra diritto romano e codice civile