Aristotele, Hobbes e la “riabilitazione” della filosofia pratica