Allo stadio come alla guerra? Ostilità internazionale e aggressività sul campo