Il «settennato» Napolitano fra intermediazione e direzione politica attiva