Regolare la rappresentatività nel mondo del lavoro può aiutare i percorsi di democrazia