La Consulta statutaria rappresenta sicuramente l’organo più interessante nel panorama delle innovazioni introdotte successivamente alla riforma del titolo V. La Corte costituzionale ne ha fissato in maniera molto attenta i limiti e le Regioni sono state costrette ad attenersi a tali indicazioni nel delinearne i tratti fondamentali. La Corte non si è però dichiarata contraria, ma ha precisato le “decisioni” assunte da questi organi hanno la natura di atti amministrativi. A tali indicazioni si sono strettamente attenute le Consulte esistenti, che hanno sempre assunto dei provvedimenti sul solco della giurisprudenza della Consulta.[...]

Gli organi regionali di garanzia statutaria: le norme, la prassi

MEZZANOTTE, MASSIMILIANO
2010

Abstract

La Consulta statutaria rappresenta sicuramente l’organo più interessante nel panorama delle innovazioni introdotte successivamente alla riforma del titolo V. La Corte costituzionale ne ha fissato in maniera molto attenta i limiti e le Regioni sono state costrette ad attenersi a tali indicazioni nel delinearne i tratti fondamentali. La Corte non si è però dichiarata contraria, ma ha precisato le “decisioni” assunte da questi organi hanno la natura di atti amministrativi. A tali indicazioni si sono strettamente attenute le Consulte esistenti, che hanno sempre assunto dei provvedimenti sul solco della giurisprudenza della Consulta.[...]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11575/3270
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact