Tra corte e Stato: il mondo del favorito