Il ripudio della guerra nell’officina della costituente