Gli affanni della memoria. Un momento di riflessione nella storiografia italiana?