La terapia delle malattie emoprotozoarie negli animali da reddito