L’esperienza francese delle 35 ore: un’analisi