Il quesito referendario fra abrogazione e novella