La Corte costituzionale nella transizione infinita