Il concubinato nella tarda antichità tra legge laica e visione religiosa