I giovani, il "lavoro a chiamata" e la discriminazione per età