Robert K. Merton: tracce di una svolta ermeneutica