Il lavoro intende individuare l’oggetto dei conflitti costituzionali previsti dall’art. 134 della Costituzione, che il legislatore identifica nella delimitazione delle sfere di attribuzione o di competenza dei poteri dello Stato, dello Stato e delle Regioni. Indaga l’origine dell’istituto nella risoluzione dei conflitti di attribuzione fra autorità amministrativa e giudiziaria nell’ordinamento statutario e deduce dalle difficoltà di ricostruzione del relativo istituto da parte dei teorici dell’epoca la conferma della irriducibilità dell’oggetto del conflitto a quello identificato dal legislatore. Intende dimostrare che il tradizionale fraintendimento relativo all’oggetto del conflitto si radica nell’anteriore nozione del conflitto di giurisdizione, su cui il conflitto di attribuzione si è modellato. Individua nel riconoscimento normativo dell’interesse diretto del titolare a difendere il contenuto dell’attribuzione il carattere distintivo del conflitto di attribuzione rispetto a quello di giurisdizione, ed identifica l’oggetto del conflitto nella tutela della legalità costituzionale dei rapporti fra i titolari delle attribuzioni e delle competenze costituzionali. Esaminato il principio dell’attribuzione nel diritto costituzionale, e puntualizzato il ruolo imprescindibile della legge ordinaria come sviluppo della regolazione costituzionale in uno soltanto dei modi possibili, analizza la tipologia delle controversie fra i titolari di funzioni costituzionali, evidenziate dalla giurisprudenza costituzionale come insorte per l’accertamento dell’assetto costituzionalmente conforme di tali rapporti e per la repressione delle relative violazioni. [...]

L'INVASIONE DI COMPETENZA NEI CONFLITTI COSTITUZIONALI

BERTOLINI, Francesco Saverio
2004-01-01

Abstract

Il lavoro intende individuare l’oggetto dei conflitti costituzionali previsti dall’art. 134 della Costituzione, che il legislatore identifica nella delimitazione delle sfere di attribuzione o di competenza dei poteri dello Stato, dello Stato e delle Regioni. Indaga l’origine dell’istituto nella risoluzione dei conflitti di attribuzione fra autorità amministrativa e giudiziaria nell’ordinamento statutario e deduce dalle difficoltà di ricostruzione del relativo istituto da parte dei teorici dell’epoca la conferma della irriducibilità dell’oggetto del conflitto a quello identificato dal legislatore. Intende dimostrare che il tradizionale fraintendimento relativo all’oggetto del conflitto si radica nell’anteriore nozione del conflitto di giurisdizione, su cui il conflitto di attribuzione si è modellato. Individua nel riconoscimento normativo dell’interesse diretto del titolare a difendere il contenuto dell’attribuzione il carattere distintivo del conflitto di attribuzione rispetto a quello di giurisdizione, ed identifica l’oggetto del conflitto nella tutela della legalità costituzionale dei rapporti fra i titolari delle attribuzioni e delle competenze costituzionali. Esaminato il principio dell’attribuzione nel diritto costituzionale, e puntualizzato il ruolo imprescindibile della legge ordinaria come sviluppo della regolazione costituzionale in uno soltanto dei modi possibili, analizza la tipologia delle controversie fra i titolari di funzioni costituzionali, evidenziate dalla giurisprudenza costituzionale come insorte per l’accertamento dell’assetto costituzionalmente conforme di tali rapporti e per la repressione delle relative violazioni. [...]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11575/952
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact