Un deputato abruzzese di primo Novecento: Rosolino Colella tra psicologia e politica