Lo svolgimento di mansioni superiori, a seguito della evoluzione del processo della cd. privatizzazione, ha rappresentato e rappresenta un momento di crisi per tutto il sistema del pubblico impiego.Le innumerevoli controversie che sono sorte in questa materia hanno visto contrapposte almeno due linee interpretative nel tentativo di contemperare e valutare le vicende inerenti il rapporto di lavoro pubblico in relazione alle esigenze rappresentate nelle fondamentali disposizioni contenute negli artt. 36 e 97 della vigente Carta Costituzionale. E così attraverso la rivisitazione degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali formatisi al riguardo si è tentato di stabilire ed indicare alcuni punti fermi di un istituto che appare in continua evoluzione.Il legislatore, infatti, si sta muovendo sempre più nella direzione di rendere effettiva la assimilazione del lavoro pubblico a quello privato, tenendo comunque sempre presente che datore e prestatore di lavoro sono chiamati a curare interessi non solo propri, ma rilevanti per l'intera collettività. Il volume tiene conto, infatti, anche dello schema di decreto legislativo approvato dal Governo nella seduta dell'11 febbraio 1998, adottato in attuazione dell'art. 11, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n.59.In relazione alle novità che sono prossime a divenire realtà, l'opera si sforza di evidenziare punti di partenza per addivenire ad una compiuta disciplina che consenta di dirimere ogni questione in via definitiva in un'ottica che privilegi sempre più l'efficiente ed efficace raggiungimento degli obiettivi, garantendo e privilegiando la professionalità del prestatore di lavoro..[...]

L'attribuzione temporanea di mansioni superiori ai dipendenti degli Enti Locali

DE CAROLIS, Diego
1998

Abstract

Lo svolgimento di mansioni superiori, a seguito della evoluzione del processo della cd. privatizzazione, ha rappresentato e rappresenta un momento di crisi per tutto il sistema del pubblico impiego.Le innumerevoli controversie che sono sorte in questa materia hanno visto contrapposte almeno due linee interpretative nel tentativo di contemperare e valutare le vicende inerenti il rapporto di lavoro pubblico in relazione alle esigenze rappresentate nelle fondamentali disposizioni contenute negli artt. 36 e 97 della vigente Carta Costituzionale. E così attraverso la rivisitazione degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali formatisi al riguardo si è tentato di stabilire ed indicare alcuni punti fermi di un istituto che appare in continua evoluzione.Il legislatore, infatti, si sta muovendo sempre più nella direzione di rendere effettiva la assimilazione del lavoro pubblico a quello privato, tenendo comunque sempre presente che datore e prestatore di lavoro sono chiamati a curare interessi non solo propri, ma rilevanti per l'intera collettività. Il volume tiene conto, infatti, anche dello schema di decreto legislativo approvato dal Governo nella seduta dell'11 febbraio 1998, adottato in attuazione dell'art. 11, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n.59.In relazione alle novità che sono prossime a divenire realtà, l'opera si sforza di evidenziare punti di partenza per addivenire ad una compiuta disciplina che consenta di dirimere ogni questione in via definitiva in un'ottica che privilegi sempre più l'efficiente ed efficace raggiungimento degli obiettivi, garantendo e privilegiando la professionalità del prestatore di lavoro..[...]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11575/9193
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact