Il "Sogno" fra spettacolo, potere, politiche di genere