Un'eco dal Ghetto: Cracovia, le scarpe nel fango e nella polvere