«Piccole patrie del fascismo». Alcune considerazioni sulle province abruzzesi e la costruzione del consenso