Il lavoro come criterio interpretativo del Novecento