Il sogno: spazio di libertà?