Tra il rigore morale e il disincanto politico: Cicerone e la questione delle ricompense