La regola del diritto tra Verbum e Imago