Giovanni Paolo II e il mondo cattolico italiano