L'uomo naturale e il cittadino tra Aristotele e Hobbes. A proposito di un nuovo "linguaggio politico"