"Gli spazi della parola tra ri-creazione e sterminio linguistico attraverso Winston Smith e Firmino"