La parola di Otello: seduzione e follia