L'occupazione "simbolica" dei muri che contano