Il dubbio sul fatto processuale e sulla norma penale nel caso Kappler