Il comune di Lecce: un’amministrazione snella?