Alfredo Dallolio e la produzione di guerra