Le vie del gusto: progettualità e agone pubblico