Le elezioni dell’altro mondo