"Una parola in meno, una fucilata in più": la stampa delle formazioni combattenti