Protettori, mercanti, collezionisti: la Bologna di Simone Cantarini